Articolo 109 Codice Penale

Effetti della dichiarazione di abitualità, professionalità o tendenza a delinquere. .

[I] Oltre gli aumenti di pena stabiliti per la recidiva e i particolari effetti indicati da altre disposizioni di legge, la dichiarazione di abitualità o di professionalità nel reato o di tendenza a delinquere importa l'applicazione di misure di sicurezza.

[II]La dichiarazione di abitualità o di professionalità nel reato può essere pronunciata in ogni tempo, anche dopo l'esecuzione della pena; ma se è pronunciata dopo la sentenza di condanna, non si tien conto della successiva condotta del colpevole e rimane ferma la pena inflitta (1).

[III]La dichiarazione di tendenza a delinquere non può essere pronunciata che con la sentenza di condanna.

[IV]La dichiarazione di abitualità e professionalità nel reato e quella di tendenza a delinquere si estinguono per effetto della riabilitazione (2)

Note:

(1) La Corte costituzionale, con sentenza 21-28 novembre 1972, n. 168 (Gazz. Uff. 6 dicembre 1972, n. 317), ha dichiarato, tra l'altro, non fondate le questioni di legittimità del presente comma, in riferimento all'art. 3 Cost., primo e secondo comma, e all'art. 27, terzo comma, Cost. La stessa Corte, con sentenza 15-22 giugno 1976, n. 143 (Gazz. Uff. 30 giugno 1976, n. 170), ha dichiarato non fondata la questione di legittimità del presente comma, in riferimento all'art. 111, comma primo, Cost.

(2) La Corte costituzionale, con sentenza 24-30 gennaio 1974, n. 19 (Gazz. Uff. 6 febbraio 1974, n. 35), ha dichiarato, tra l'altro, non fondata la questione di legittimità del presente articolo, in riferimento agli artt. 3, 25 e 27 Cost.