Articolo 200 Codice Penale

Applicabilità delle misure di sicurezza rispetto al tempo, al territorio e alle persone.



[I]. L'esecuzione di una pena può essere differita [684 c.p.p.] (1):

1) se è presentata domanda di grazia [174; 681 c.p.p.], e l'esecuzione della pena non deve esser differita a norma dell'articolo precedente;
2) se una pena restrittiva della libertà personale deve essere eseguita contro chi si trova in condizioni di grave infermità fisica;
3) se una pena restrittiva della libertà personale deve essere eseguita nei confronti di madre di prole di età inferiore a tre anni (2).


[II]. Nel caso indicato nel numero 1, l'esecuzione della pena non può essere differita per un periodo superiore complessivamente a sei mesi, a decorrere dal giorno in cui la sentenza è divenuta irrevocabile [648 c.p.p.], anche se la domanda di grazia è successivamente rinnovata.


[III]. Nel caso indicato nel numero 3) del primo comma il provvedimento è revocato, qualora la madre sia dichiarata decaduta dalla responsabilità genitoriale sul figlio ai sensi dell'articolo 330 del codice civile, il figlio muoia, venga abbandonato ovvero affidato ad altri che alla madre (3).


[IV]. Il provvedimento di cui al primo comma non può essere adottato o, se adottato, è revocato se sussiste il concreto pericolo della commissione di delitti (4).

Note:

(1) V. art. 69 l. 24 novembre 1981, n. 689.
(2) Numero così sostituito dall'art. 1 l. 8 marzo 2001, n. 40. Il testo previgente era il seguente: «3) se una pena restrittiva della libertà personale deve essere eseguita contro donna, che ha partorito da più di sei mesi ma da meno di un anno, e non vi è modo di affidare il figlio ad altri che alla madre».
(3) L'art. 93, d.lg. 28 dicembre 2013, n. 154, ha sostituito alla parola: «potestà» le parole: «responsabilità genitoriale». Ai sensi dell'art. 108, d.lg. n. 154 del 2013, la modifica entra in vigore a partire dal 7 febbraio 2014. Il comma era stato sostituito dall'art. 1 l. n. 40, cit. Il testo previgente era il seguente: «Nel caso indicato nel numero 3, il provvedimento è revocato qualora il figlio muoia o sia affidato ad altri che alla madre».
(4) Comma aggiunto dall'art. 1 l. n. 40, cit.