Articolo 151 Codice Penale

Aministia.


[I]. L'amnistia estingue il reato, e, se vi è stata condanna [442, 448, 460, 533, 605, 648, 650 c.p.p.], fa cessare l'esecuzione della condanna e le pene accessorie [19, 184; 672 c.p.p.] (1).

[II]. Nel concorso di più reati, l'amnistia si applica ai singoli reati per i quali è conceduta.

[III]. La estinzione del reato per effetto dell'amnistia è limitata ai reati commessi a tutto il giorno precedente la data del decreto (2), salvo che questo stabilisca una data diversa [79 Cost.].

[IV]. L'amnistia può essere sottoposta a condizioni o ad obblighi [672 c.p.p.].

[V]. L'amnistia non si applica ai recidivi, nei casi preveduti dai capoversi dell'articolo 99, né ai delinquenti abituali [102, 103], o professionali [105] o per tendenza [108], salvo che il decreto (2) disponga diversamente.

Note:

(1) La Corte cost., con sentenza 14 luglio 1971, n. 175, ha dichiarato l'illegittimità costituzionale del presente comma «nella parte in cui esclude la rinunzia, con le conseguenze indicate in motivazione, all'applicazione dell'amnistia».
(2) A seguito della modifica dell'art. 79 Cost. ad opera della l. cost. 6 marzo 1992, n. 1 deve ora intendersi «legge»